Toggle Nav
Carrello

LIVORNO: LA NOSTRA CITTÀ

Livorno è una splendida città affacciata sul mare, progettata dall'architetto Buontalenti sul modello della cinquecentesca "città ideale". E’ una  città indissolubilmente legata all'acqua, con i suoi Fossi Medicei, e le attività marinare. Un luogo ricco di arte, con i suoimonumenti ed edifici storici: chiese seicentesche e ville in stile Liberty, fortezze medievali (Fortezza Vecchia e Fortezza Nuova) e castelli dal fascino antico (Castello del Boccale, Castel Sonnino e Castello del Romito).

Livorno è stata una delle prime città dove si andava in villeggiatura, per passeggiare e godere del clima particolarmente mite e salubre. Tra il 1800 e il 1900 era un salotto particolarmente ambito e culturalmente vivace; da qui il proliferare di pittori famosi  (Fattori, Modigliani, Natali).

Oggi Livorno è conosciuta per l'Accademia Navale, per il porto e per la posizione strategica da cui partire per visitare altre meraviglie della Toscana come Pisa, Firenze, Siena. È anche il punto di partenza per raggiungere paesi più piccoli  ma altrettanto famosi come Volterra, Bolgheri, Castagneto Carducci.  Un luogo con una storia antica, tante bellezze da visitare e molte contraddizioni.

La città infatti è caratterizzata da una dissacrante ironia, dove lo sberleffo e la presa di giro sono parte del vivere sociale; ma è al contempo una città generosa ed aperta al mondo, che nasce da un passato che la vede come primo porto con libertà di commercio e professione religiosa.

Per avere un’idea delle principali bellezze di Livorno, 24 ore possono bastare.

 

Terrazza Mascagni, il mare all’infinito.

La prima tappa del tour livornese, tocca uno dei luoghi in assoluto più caratteristici e fotografati della città: Terrazza Mascagni. Lo scenografico belvedere che si affaccia sul lungomare ha una storia travagliata alle spalle, e l’aspetto attuale è frutto di un immane lavoro di restauro portato avanti verso la fine degli anni Novanta. Originariamente la terrazza risale al 1925, mentre è del ’30 la prima edificazione del caratteristico tempietto con la cupoletta sorretta da colonne a sezione circolare.

L’una e l’altro, però, furono praticamente rasi al suolo durante la seconda guerra mondiale. I primi lavori di ristrutturazione ne ripristinarono l’aspetto ampliandone le dimensioni; è in questo periodo che la piazza viene dedicata al compositore livornese. Tuttavia, come già detto, è stato un ultimo recente restauro a riportare il luogo al suo antico splendore, con il fedele rifacimento del Gazebo per la musica.

Da qui, lo sguardo spazia verso il Mar Tirreno, a cui sembra far da cornice la scenografica balaustra formata da oltre 4 mila colonnine. Il tipico aspetto a scacchiera della pavimentazione, invece, è dato da qualcosa come 34.800 piastrelle bianche e nere.

La Terrazza Mascagni si trova lungo Viale Italia.

 

Museo civico Giovanni Fattori, nel cuore dei Macchiaoli.

La seconda tappa, potrebbe essere il Museo Civico Giovanni Fattori, la cui sede (l’ottocentesca Villa Mimbelli) basterebbe da sola a soddisfare i visitatori. Decorazioni, arredamenti, mobili e tendaggi richiamano immediatamente lo stile dell’epoca a cui risale il luogo. Questo, dal 1994 ospita il museo che e’ riuscito a raccogliere un importante patrimonio artistico precedentemente sparso in diverse sedi.

All’interno delle sale ricavate con un’attenta ristrutturazione, trovano spazio principalmente quadri di origine livornese e toscana, a partire da artisti come Enrico Pollastrini, Guglielmo Micheli, Ulvi Liegi, Oscar Ghiglia, Giovanni Bartolena e Mario Puccini. Al secondo piano del museo si trovano i quadri più importanti, con le splendide opere di Fattori, nonchè di altri esponenti della scuola dei Macchiaioli come Silvestro Lega, Telemaco Signorini, Vincenzo Cabianca e Giovanni Boldini. Altre sale sono dedicate ai Postmacchiaioli e ai Divisionisti.

Il Museo Civico Giovanni Fattori si trova in via S. Jacopo in Acquaviva.

 

L’acquario di Livorno

Girando le spalle al mare, invece, nello stesso contesto della Terrazza Mascagni, si possono vedere i locali dell’Acquario di Livorno, altro luogo della città che merita indubbiamente una visita. Si tratta del più grande acquario della Toscana, capace di contenere 2 mila animali di 300 diverse specie. Entrare in questo luogo significa immergersi fisicamente all’interno del Mediterraneo, scoprendone le caratteristiche naturali peculiari, ma anche la sua storia e i suoi tesori.

Al piano terra, dodici nuove vasche sono interamente dedicate alle bellezze del “Mare Nostrum” e alla scoperta di tutte le sue biodiversità. Più “locale” è invece la sezione dedicata alla Costa degli Etruschi, quel tratto di litorale che ha in Livorno uno dei suoi snodi principali. Qui la presenza di una vasca tattile permette di toccare letteralmente con mano alcuni pesci come le razze.

Ma il viaggio marittimo continua e si spinge ben oltre, con la grande vasca Indo-Pacifica dalla capacità di circa 300 mila litri di acqua; i variopinti colori del Mar dei Caraibi; il più nostrano litorale ligure; la zona delle acque tropicali e l’Area Marina Archeologica Greco – Romana con il relitto di una nave romana.

L’indirizzo dell’Acquario di Livorno è Piazzale Mascagni, 1.

 

Visitare il Cisternone

Ultima tappa di questo breve tour non può che essere il Cisternone, imponente edificio in stile neoclassico progettato dall’architetto Pasquale Poccianti e originariamente inaugurato nel 1842 dopo quasi 15 anni di lavori. Cuore della struttura è, naturalmente, la grande cisterna di 11 mila metri cubi di capienza che serviva per filtrare le acque provenienti dalle sorgenti di Colognole e garantire alla città una riserva idrica in caso di guasti all’acquedotto.

Esternamente l’occhio è colpito dalla cupola dimezzata che domina la facciata. Anche l’atrio d’ingresso presenta una forma semicircolare, da cui si aprono le stanze con le tubazioni che portano l’acqua di sorgente.

 

Giro dei fossi in battello

Infine, fuori classifica, ma un vero “must” per coloro che visitano la città, sarà il tour dei canali a bordo di un battello: infatti Livorno, la città toscana fondata dalla famiglia de I Medici, possiede un sistema unico di antichi Canali, i cosiddetti “Fossi”.

Battelli organizzati avranno il piacere di invitarvi a bordo per conoscere e apprezzare il centro storico della città, navigando attraverso queste pittoresche vie d’acqua.

Il Tour in Battello dei canali Medicei richiede circa un’ora e offre una prospettiva inusuale e sorprendente, tra palazzi eleganti e rioni pittoreschi, chiese e antiche fortezze. Per info http://www.livornoinbattello.it

Il quartiere dei canali è davvero molto suggestivo ed è famoso da qualche secolo, visto che già nel 1700 Goldoni il famoso drammaturgo, cita “la piccola Venezia“ in una delle sue opere. Ancora oggi il quartiere si chiama “la Venezia”.

In questo stesso quartiere consigliamo inoltre di visitare “il museo della città “ospitato nei  vecchi “Bottini dell’Olio”, i locali adibiti allo stoccaggio di prodotti preziosi come l’olio già nel seicento Un edificio storico ammirevole risparmiato dai bombardamenti di guerra e aperto alla comunità dopo un restauro accurato.

 

Per mangiare bene a Livorno non c’è che l’imbarazzo della scelta:

In Vernice https://in-vernice.business.site/

Pizza Alla Brace www.pizzaallabrace.it

Cantina Senese www.ristorantecantinaseneselivorno.it

Osteria del Contadino http://www.osteriadelcontadino.com/osteria.html

Bar Buffet da Aurelio https://www.facebook.com/bar-buffet-da-Aurelio-155601321204018/

Il Cardellino http://www.ilcardellino.net/site/

Lo scoglietto www.loscoglietto.com

Locanda Martinelli www.locandamartinelli.it

La casa degli ulivi https://www.facebook.com/Ristorantecasadegliulivi/